Progetta un sito come questo con WordPress.com
Crea il tuo sito

La palude dove è nata il sogno di una Nuova Francia!

La Nuova Francia era questo territorio che dal XVI al XVIII secolo si estendeva dal Canada fino alla Florida. Tra il 1632 e il 1763 circa 70.000 francesi partirono per la Nuova Francia e tentarono di trovarci una vita un po’ meno miserabile; una vita tutto semplicemente. Erano quasi tutti francesi dell’Ovest della Francia e d’altronde basta sentire i cognomi dei francofoni canadesi e la loro lingua piena di parole dei parlati dell’Ovest della Francia per essere fissato. La strada provinciale attraversa l’immensa palude che costeggia l’Oceano. Cieli infiniti, uccelli di mare, capanne di allevatori di ostriche e di cozze disseminate lungo i fiumi. L’Oceano non si vede ma si respira, tanto l’odore di salsedine è forte. Dopo una curva della strada, dietro un filare di tamerici, appare una cittadella accecante di bianchezza, è Brouage, il paese natale di Samuel de Champlain, cartografo di Enrico IV, esploratore e fondatore della città di Québec nel 1608. Si può dire che la Storia del Canada è nata in questa cittadina di Brouage, non tutta la Storia ovviamente, ma quella che inizia con i primi anni del seicento, sì. Nel cinquecento, non c’era la palude ed è difficile da immaginare ma Brouage era situata in riva all’Oceano all’ingresso di un golfo che penetrava lontano nelle terre. Brouage nel XVI secolo era il primo porto in Europa per il commercio del sale. Le navi di tutta l’Europa ormeggiavano nel porto di Brouage, poi mettevano in acqua miriadi di piccole barche che andavano a cercare il sale nei paesi delle rive del golfo di Saintonge. Poi, il il golfo di Saintonge, con il passare dei secoli, si è invasato e la gente è andata a coltivare il sale sull isola di Oléron  oppure sull’isola di Ré. Camminare nelle vie di Brouage, è come fare un viaggio in Nuova Francia, tanto tutto a Brouage è dedicato al suo più famoso figlio: Samuel de Champlain. Nel 1604, Enrico IV chiede a Pierre Du gua de Mons originario anche lui della Saintonge, di Royan più precisamente)  di organizzare una spedizione in Nuova Francia per fondare uno stabilimento in Acadia in cambio del monopolio commerciale. De Mons è accompagnato dal cartografo del Re e esploratore, Samuel de Champlain. I due uomini stabiliscono una piccola colonia sull’isola Sainte-Croix in giugno 1604, poi l’anno seguente a Port-Royal. Riescono a sopravvivere provando ai francesi che la vita è possibile nel Canada. Poi, de Mons perde il monopolio del commercio nel 1607 ei due uomini devono tornare in Francia. Partiranno di nuovo nel 1608, anno in cui de Mons chiederà a de Champlain di fondare Québec.   

Inverno 1604. Isola Sainte-Croix. Nuova-Francia. Scrive Samuel de Champlain, fondatore della città di Québec nel 1608, esploratore e cartografo di Enrico IV.

“Durante  l’inverno si mise tra alcuni della nostra gente una certa malattia, chiamata  male della terra – altrimenti scorbuto – da quello che ho sentito dire dopo da uomini dotti. Si generavano alla bocca di quelli che l’avevano dei grossi pezzi di carne superflua e schiumosa (che causava una grande putrefazione) la quale carne sormontava tanto, che non potevano prendere nessun cosa se non fosse liquida. I loro denti non reggevano quasi più e si poteva strapparli con le mani senza  fare loro qualsiasi dolore. Spesso si tagliava loro la superfluità di questa carne che faceva loro sputare molto sangue dalla bocca. Dopo prendeva loro un gran dolore nelle braccia e nelle gambe, le quali rimasero loro, grosse e assai dure, tutte macchiate come dei morsi di pulci, e non potevano camminare a causa della contrazione dei nervi: in tal modo che rimanevano senza forza, e sentivano dolori intollerabili. Avevano dolori anche di reni, di stomaco, e di pancia: una tosse assai brutta, e un fiato corto; per farla breve, erano in uno stato tale, che la maggior parte dei malati non poteva alzarsi, muoversi e, se per caso, riuscivamo a reggerli in piedi, cadevano subito in sincope. In questo modo, dai settantanove che eravamo, ne  morì trentacinque e venti  ne furono vicino. La maggior parte di quelli che rimasero sani, si lamentavano di piccoli dolori e di un fiato corto. Non potemmo trovare nessun rimedio per la guarigione di queste malattie…”

Estate 1605. Port-Royal. Nuova Francia. Scrive Samuel de Champlain, fondatore della città di Québec nel 1608, esploratore e cartografo di Enrico IV.

“L’estate stava finendo, quando si  cominciò ad adoperare il trasloco dell’abitazione di Sainte-Croix. Le barche trasportarono a Port-Royal le case tutte smontate, il materiale militare, i viveri, in modo che restava sull’isola che il magazzino che conteneva una piccola botte di vino e qualche misura di sale che ci furono dimenticate (….) Qualche giorno dopo che le case furono terminate, andai al fiume Saint-Jean, per cercare il selvaggio chiamato Secondon, il quale aveva guidato Prevert alla mina di rame, che avevo già cercata con il signor De Mons, quando fummo al port aux mines, e che ci perdemmo il nostro tempo. Avendo trovato Secondon, lo pregai di venirci con noi: quello che mi accordò molto liberamente: e ce la fece vedere. Ci trovammo alcuni piccoli pezzi di rame dello spessore di un soldo; e altri  più spessi incastrati in una ganga pietrosa grigiastra e rossa. Il minatore che era con noi, Maestro Jacques, nativo di Slavonia, uomo ben inteso alla ricerca di minerali fece il giro dei poggi per vedere se potesse trovare della ganga; ma non ne vide. Tranne una specie di mina che se fosse sfruttata, potrebbe rapportare un buon profitto. Però questo risultato sarebbe assai difficile e penoso da raggiungere visto che la marea veniva ricoprire due volte al giorno queste pietre metalliche. Dopo l’aver riconosciuta, tornammo alla nostra abitazione, dove ci trovammo della nostra gente malata del male della terra. Però non così gravemente che nell’isola Sainte-Croix. Ben che dei quarantacinque che eravamo, ne  morì dodici di cui il minatore, e cinque malati che guarirono la primavera seguente. Il nostro chirurgo chiamato Deschamps, di Honfleur, uomo esperto nella sua arte, fece aprire qualche corpo per vedere se la malattia fosse diversa di quella che aveva decimata la colonia l’anno precedente sull’isola Sainte-Croix….”

Anno 1608-1609. Québec. Nuova Francia. 28 uomini, 20 muoiono durante l’inverno di Scorbuto e di dissenteria. Scrive Samuel de Champlain, fondatore della città di Québec nel 1608, esploratore e cartografo di Enrico IV.

“le malattie della terra iniziarono a prendere abbastanza tardi, da febbraio alla metà di aprile. Diciotto ne furono colpiti, ne morì dieci; cinque altri di dissenteria. Feci aprire alcuni dei corpi, per vedere se si trattasse della stessa malattia che avevo già vista nelle altre abitazioni; era la stessa. Qualche tempo dopo, il nostro chirurgo morì. Tutto questo ci diede un gran dispiacere per la pena che avevamo messa a tentare di salvarli. Sopra ho descritto la forma di queste malattie. Ora, tengo che provengono dal fatto di mangiare troppo di carne salata e di verdure, che scaldano il sangue e rovinano le parti interne. L’inverno ne è anche la causa che stringe il calore naturale causando una più grande corruzione del sangue; e anche quando la terra è arata, ne esce di certi vapori che ne sono prigionieri i quali infettano l’aria : quello che si è visto per esperienza in quelli che sono stati alle altre abitazioni dopo che il sole ebbe dato sui campi che furono abbandonati, tanto nella nostra abitazione che in altri luoghi, o l’aria era diventata migliore e le malattie non si aspre come prima. Per quello che è del Paese, è bello e piacente, e produce grani e frutti a maturità. Avendoci tutte le specie di alberi che abbiamo nelle nostre foreste, e quantità di frutti, anche selvatici, che non hanno bisogno di essere coltivati come: noci, ciliegi, susini, vigne, lamponi, fragole, ribes, e altri piccoli frutti che sono abbastanza buoni. Ci sono anche delle buone erbe e dei radici. La pesca è molto abbondante nei fiumi che corrono nei prati e la selvaggina è in numero infinito. Dal mese di aprile fino al quindici dicembre, l’aria è sana è buona, tanto che non è possibile di ammalarsi: ma gennaio e febbraio sono pericolosi per le malattie che prendono piuttosto in inverno che in estate, per le ragioni che ho descritte. Perché per il trattamento, tutti quelli che erano con me, erano ben vestiti  e dormivano in buoni letti, riscaldati e nutriti con carne salata che avevamo in abbondanza, che secondo me, erano la cause di queste malattie, come ho già detto sopra. Di quello che ho visto la malattia colpisce tanto quello che si tiene delicatamente, e che prende cura di sé, quanto quello che sarà il più miserabile. Abbiamo creduto all’inizio, che c’erano solo i lavoratori colpiti da queste malattie, però abbiamo visto il contrario. Quelli che navigavano verso le Indie Orientali e altre regioni, per esempio verso la Germania o l’Inghilterra erano colpiti allo stesso modo di quelli della Nuova Francia. Da qualche tempo, gli olandesi che erano decimati da questa malattia nei loro viaggi verso le Indie, hanno trovato un rimedio molto singolare che potrebbe guarirci, ma non ne abbiamo la conoscenza per aver trascurato di ricercarlo. Tuttavia, tengo per certo che, avendo del pane e della carne fresca, non saremo più soggetti a questa malattia…” 

Estratti tradotti da me dal libro del 1613 di Samuel Champlain: Les voyages du Sieur de Champlain Xaintongeois, capitaine ordinaire pour le Roy, en la marine : divisez en deux livres, ou journal très fidèle des observations faites ès des couvertures de la Nouvelle France, tant en la description des terres, costes, rivières, ports, havres, leurs hauteurs, & plusieurs déclinaisons de la guide-aymant, qu’en la créace des peuples, leur superstition, façon de viure & de guerroyer : enrichi de quantité de figures 

  

2 pensieri riguardo “La palude dove è nata il sogno di una Nuova Francia!”

  1. Ho fatto il bagno nel lago Champlain, sul versante statunitense, una quindicina d’anni fa durante un estate di lavoro presso un college del Vermont. Loro lo chiamavano Lake Champlain, pronunciato all’americana “tchemplein”, per capirsi.
    In luglio, in Vermont, fa un insopportabile caldo continentale al quale nella nostra esile penisola non siamo abituati. Accettai con piacere l’invito ad andare al lago con alcuni colleghi. Non ero mai stata al lago, né quello né altri, sono cresciuta più o meno sulla spiaggia, dove si va dall’inizio della primavera, fino a novembre, tempo permettendo (e naturalmente anche in inverno, seppure senza fare il bagno).
    Finalmente, un’oretta dal college e avrei potuto nuotare! Per cominciare, appena messo l’asciugamano sull’erba le formiche cominciarono a scorrazzare, per non parlare dell’assalto delle zanzare, così optai immediatamente per il bagno. Sono un’ottima nuotatrice, mi mancava l’acqua. Entrai e subito i piedi affondarono un poco nella melma, un effetto davvero strano; mi tuffai e riemergendo provai la disgustosa sensazione dell’acqua dolce (in italiano si dice così l’acqua non salata, non marina) in bocca. Cielo, che delusione!
    Al rientro, nel dorm del campus mi feci una doccia lunghissima a grattare via quell’odore di…non lo so di che. Non ci sono più andata.
    Buon fine settimana,
    m.

    Piace a 1 persona

  2. Ti devo confessare che vado in vacanze a La Rochelle da tre anni perché ci sei andata e che mi hai dato voglia di scoprire la zona e ora quasi vorrei viverci; ci crederai o no, ma prima il resoconto delle tue vacanze nei dintorni di Là Rochelle, ci ero andato solo una volta, ragazzino. 😁😁😁 Quindi fai bene ad avvertimi per il lago Champlain, visto l’influenza che hai su di me, l’anno prossimo rischio di ritrovarmi nel Vermont! 😂😂😂

    Buona domenica Monica,

    Alex

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: